27.I.2015 - export

  1. La previsione si deve a Stefano Casini Benvenuti, direttore del centro studi Irpet (Istituto regionale programmazione economica della Toscana). L’attuale Euro debole non è una disgrazia, il Dollaro forte è un’altra fortuna, e così anche il Franco svizzero,  perché significano basso costo del petrolio e dunque dell’energia. Insomma come ai tempi della svalutazione italiana. E ora come allora, l’economia regionale toscana potrebbe avvantaggiarsene alla grande nell’export. Tanto è vero che gli esperti valutano una crescita fino al 5 per cento, mentre l’aumento del Prodotto Interno Lordo supererà a sua volta l’1 per cento, dunque siamo in un’area felice in Italia.