17.II.2014 - CONCORRENZA

  1. “La manifattura italiana non può più aspettare – afferma Cleto Sagripanti presidente Assocalzaturifici – e ha già subito anni di dura prova a causa della concorrenza aggressiva dei Paesi emergenti e di una mancata legislazione in Europa, unica tra le principali economie mondiali a non richiedere l’obbligo di indicazione di origine sulle merci che vengono commercializzate al suo interno, con grave danno per chi, come le aziende manifatturiere italiane, ha come risorsa principale l’alta qualità dei suoi prodotti. Abbiamo in questi anni ha portato avanti un’incessante azione di pressing presso le istituzioni europee per una risoluzione giusta e rispettosa del grande patrimonio della nostra eccellenza manifatturiera, e ora che la discussione in Europa sta entrando in una fase cruciale abbiamo bisogno di sentire con forza il sostegno e l’aiuto del Governo, anche in vista del semestre di presidenza italiana che si apre a luglio”. (fonte: Technofashion)

  2.