28.VIII.2014 - LUSSO

  1. Il lusso Made in Italy continua a tirare alla grande, grazie alle grandi griffe. E progetti di investimento li hanno Prada, con quattro nuove fabbriche tra Toscana e zona adriatica, ma altrettanto stanno pensando di fare Tod’s, Gucci e Louis Vitton con nuove assunzioni e ampliamenti delle aziende già esistenti. Attira la necessità d’investire anche del distretto pellettiero di Scandicci. Il tutto per il controllo della qualità manifatturiera, e la vicinanza con le concerie che forniscono il pellame pronto moda a Santa Croce sull’Arno, Ponte a Egola e Fucecchio.