14.VIII.2014 - CRESCITA

  1. Come sta l’industria conciaria italiana? La produzione è in aumento (+ 9,5%) , e anche l’export (+8%). Tuttavia una parte dell’aumento del fatturato è dovuto anche al costo delle materie prime, dal pellame ai prodotti chimici. Quanto all’uso del pellame, la calzatura si conferma prima destinazione pur perdendo un punto (dal 44% al 43%). Invece in crescita sia la pelletteria dal 20% al 24%, sia quella dell’auto oggi quasi al 10%. Sono in calo invece l’arredamento (dal 21 al 16%), e l’abbigliamento (dal 6% al 5%). Insomma valori pre-crisi, che speriamo siano di buon auspicio anche per altri comparti produttivi.