13.XI.2013 - VALORE

  1. Le calzature esportate dalla provincia di Pisa hanno registrato nel secondo trimestre 2013 un controvalore di 69,3 milioni di euro (-0,3% rispetto allo stesso periodo del 2012). Leggera flessione. Che si aggrava un po’, 9,4 milioni di euro per l’export di abbigliamento e capi in pelle (-3,8%). Mentre, nell’importazione la filiera del cuoio continua a farla da padrona con tassi di sviluppo consistenti sia per il grezzo (+12,4%) sia per il lavorato (+30%). Ma forse non è tutt’oro quel che luccica, perché va tenuto conto anche del continuo aumento dei prezzi, e dunque del valore a sua volta crescente.