3.VII.2013 - GREZZO

  1. Senza disponibilità di pelli le concerie chiuderanno. La paura circola da tempo, ma ora sta per diventare realtà. Il grido d’allarme arriva da Rino Mastrotto presidente dell´Unione dei conciatori italiani e anche dell'associazione dei Conciatori europei. “La concorrenza degli orientali è tremenda, anche nell’acquistare il grezzo di produzione europea. Mentre il loro pellame grezzo lo rendono indisponibile all’export”. In termini economici, vuol dire che nel 2012 il il costo del grezzo è salito tra il 12 e il 23%, e dal 2011 si arriva addirittura tra il 20 e il 40%. Il fatto è che il comparto è cruciale per il Made in Italy, ma interessa poco agli altri partner continentali.