27.VIII.2013 - CURA

La cura Abenomics, una  serie di manovre macroeconomiche messe a punto dal primo ministro nipponico Shinzō Abe per risollevare le sorti del Giappone, aiutano la moda italiana. E il made in Italy ne ha approfittato. Secondo quanto risulta a Pambianconews sulla base dei dati raccolti dall’Ufficio Ice di Tokyo, nei primi sei mesi di quest’anno l’import di prodotti fashion dall’Italia è aumentato del 30% circa: un exploit. E, soprattutto, l’Italia risulta il primo partner commerciale per il Giappone nel segmento dell’alto di gamma. Le importazioni dal Belpaese sono aumentate del 25,9% rispetto al primo semestre del 2012, raggiungendo un valori di 37 miliardi di yen (pari a 286 milioni di euro al cambio attuale).