31.V.2012 - EXPORT

Il calo dell’euro, nel cambio con il dollaro, aiuta il comparto conciario che si rivolge prevalentemente al pronto moda?Secono il neo presidente del Consorzio conciatori di Ponte a Egola, Giuseppe Volpi, appena succeduto a Attilio Gronchi, "Considerando l’andamento economico generale dell’Italia, non č facile brillare. Sulla riva sinistra dell’Arno si esporta mediamente il 50% della produzione. Operare a livello mondiale e nel campo della moda ci sta dando qualche vantaggio, e dunque possiamo tracciare un bilancio di moderata soddisfazione”. Insomma, fiducia e avanti guardando all'estero.