27.VIII.2012 - DISTRETTI

Come report ambientale Unic (Unione Nazionale Industria Conciaria) evidenziava, il Distretto conciario di Solofra, che lavora pelli ovine, sta  crescendo ad un ritmo più lento rispetto ai poli conciari di Arzignano (pelletteria)  e Santa Croce sull’Arno (pronto moda). Alla ripresa lavorativa del 3 settembre prossimo, il polo campano partirà con circa un centinaio di addetti in meno. Infatti tre aziende accusano difficoltà produttive, dopo che una delle aziende più note ha chiuso ed è fallita. Tra le cause, anche gli aumenti del pellame grezzo e semiconciato.