14.XII.2011 - SETTEBELLO

C’è anche una conceria del Comprensorio del Cuoio nelle "tre reti" della filiera di Gucci (marchio fiorentino del lusso, la cui famiglia ha origini sanminiatesi). Per il Made in Italy, è stato stipulato un contratto di aggregazione per migliorare know how e formazione. Le tre nuove reti di imprese, riguardano: la piccola pelletteria, la valigeria e borsetteria, i produttori di macchinari, robotica e una conceria: Settebello, di Santa Croce sull’Arno. “Si conferma l’intenzione – osserva Micaela Le Divelec Lemmi, executive vice president di Gucci – d’investire nel tessuto produttivo italiano, valorizzando le risorse che rendono il distretto toscano della pelletteria uno dei poli più importanti”.