27.V.2008 - COMMERCIALI

Le aziende conciarie del comprensorio di Cuoio si trasformano: da aziende produttive a commerciali. Niente più bottali, né ricerca moda: vendono che che altre opifici mettono sul mercato. Da sempre in conceria si dice – ma vale per tutti i prodotti del mondo – che su un articolo in pelle guadagna più chi lo vende, che chi lo produce. “Anche se il vero problema è riscuotere ciò che viene venduto, a causa delle difficoltà che stanno rendendo la vita difficile a calzaturifici e pelletterie” dice un imprenditore di Ponte a Egola che già cavalca le anticipazioni nell’economia