24.VII.2008 - SINGHIOZZO

Il pellame ha una ripresina, per il settore accessori che è tornato ai livelli di esportazione dell’inizio anni Duemila, dopo la crisi per la concorrenza asiatica. Il cuoio, per la suola elegante e comoda, continua ad essere meno richiesto. Inoltre le aziende di prodotti chimici preannunciano rincari che le concerie non sono in grado di sostenere, in questo momento di produttività a singhiozzo. Gli articoli in pelle piacciono sul mercato alto, sempre più una nicchia. Nei tre settori conciari, va un po’ meglio a Fucecchio, rispetto a Santa Croce sull’Arno e Ponte a Egola: perché piccolo è bello.