31.VII.2008 - I DATI

I dati appena resi noti dall’Unione Industriale Pisana denotano un grave stallo del settore conciario: meno 9,5% sia in produzione, sia in fatturato rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il presidente del Consorzio conciatori di Ponte a Egola, Attilio Gronchi, esorta a non mollare. “Al rientro dalle ferie estive, la situazione potrebbe essere diversa di come appare in questo momento”, ha detto nel tradizionale saluto di fine luglio agli associati, e agli emissari delle banche. Si parla di aziende in difficoltà, e di settembre come mese decisivo per il comparto, che nel Comprensorio del Cuoio vale circa 400 aziende più l’indotto, e circa 8 mila addetti.