24.XII.2007 - SEGNALI

Le aziende del Consorzio conciatori di Fucecchio  sono una cinquantina, sia per la concia al cromo che al vegetale. Imbattibili, o quasi, sotto il profilo della qualità e delle tendenze moda, sono state in parte deluse da quelli che sembravano essere i nuovi mercati, come il paese del Sol levante. “ La Cina – osserva il presidente Massimo Banti - produce di fatto scarpe di modesto profilo; e pur importando le materie prime non ha al momento un prevedibile futuro nell’ambito calzaturiero che semmai ha esigenze di elevata qualità”.  Lo scenario è instabile, e altri segnali per il 2008 sono contrastanti.