12.XII.2006 – RIBOT

Ribot era un cavallo che ha vinto tutte le corse. Franco Bonciolini, della conceria Nuova Antilope a Ponte a Egola, ha dato quel nome ad un pellame. E spiega così il perchè: "In genere, sono richieste le pelli morbide e naturali, con effetti “lucido” e “metallo”. Dobbiamo cercare di valorizzare la pelle senza stravolgerla. Abbiamo una vernice con un effetto lucido e opaco, tipo maculato, che ricorda molto il cavallo: l’abbiamo battezzata Ribot". Ed è risultata una pelle vincente: ci voleva, dopo gli anni passati... al piccolo trotto.