31.X.2005 – SCOMMESSA

“Siamo partiti dall’idea che ha avuto Benedetton sul tessuto: ha prodotto i capi non tinti, e poi li ha tinti. Siamo in grado – anticipa Remo Petroselli, direttore tecnico in Chimont a Montopoli - di applicare la medesima strategia sui i capi realizzati in combinazione pelle e tessuto. Che finora era impossibile tingere insieme. Dunque, in confezione, si penserà soltanto alle taglie; poi quando arriva l’ordine finale, si mandano i capi in tintoria. Avete presente l’economia di scala, per minori scorte e maggiore velocità nelle consegne?  Ed è in progetto qualcosa di simile per la calzatura: un pellame di base, e poi la successiva caratterizzazione e personalizzazione: per gestire la scarpa montata, in linea di montaggio”.