14.III.2005 – SOMMERSO

Da una valutazione della Camera di commercio di Pisa, nel settore calzaturiero  varie forme di sommerso si nascondono nei passaggi tra imprese committenti, terzisti e famiglie. Nel settore conciario è emersa una scarsa propensione da parte delle aziende al ricorso al lavoro sommerso nero, anche perché la massiccia presenza di lavoratori regolari senegalesi è gestita ricorrendo a contratti a termine e interinali. Non si hanno evidenze rilevanti di attività svolte da imprese completamente sconosciute al fisco e alla previdenza sociale.