14.IV.2005 – FAMILIARE

Nelle conceria di Ponte a Egola – rende noto il Consorzio conciatori – una cinquantina di aziende su 75 hanno inserito giovani di famiglia nell’impresa, con mansioni guida. Inoltre una quindicina di imprese hanno titolari con un’età media inferiore a 55 anni. Soltanto una decina di concerie hanno titolari che, pur essendo avanti negli anni, non hanno inserito giovani. “Il modello tipicamente toscano della conduzione dell’impresa dice il direttore Damiano Ciurli - resta valido, competitivo e proiettato nel futuro con energie nuove”.