28.XII.2004 – PAURA

Il cuoificio Cmc e la conceria Valdarno International di Ponte a Egola hanno aperto — in sinergia con  il Rino Mastrotto Group di Arzignano (Vicenza e la conceria Giovanni Gaiera di Robecchetto (Milano)— un ufficio di rappresentanza, con show-room, in Cina: a Dongguan, nella zona di Guandong. Il gruppo Cmc, 70 dipendenti, produce 300 tonnellate al mese di cuoio da suola; la Valdarno, 25 addetti, lavora 5 milioni di piedi l’anno di pelle al vegetale. “Affrontando questo enorme scenario produttivo – osserva Moreno Caponi – abbiamo scelto di non avere paura della Cina”.