26.IV.2004 – VALORE

Tra le voci che sostengono la necessità di rilanciare il Distretto produttivo conciario ce n’é anche una femminile. E’ di Laura Morelli, vicepresidente dell’Assa, l’associazione contoterzisti a Santa Croce sull’Arno. Rivendica per il suo comparto di specifica lavorazione conciaria “che ha tanta importanza nella realizzazione del pronto moda con qualità e tempestività; ma ciò non viene riconosciuto perché si trova ad essere, in definitiva, l’anello più debole della filiera. Dimodoché non è considerato, né retribuito, a valore di mercato”.