19.IV.2004 – SINDROME

Si parla ormai di sindrome cinese, a proposito della concorrenza che il grande paese asiatico sta operando sui mercati dell’Est fino a poco tempo fa tentati dalla scarpa toscana. “In maggiore difficoltà quegli industriali che nel tempo non hanno investito in tecnologia o non sono stati capaci di riconvertire la produzione, magari rischiando, fino ad ottimizzare il rapporto prezzo-qualità”, lasciano intendere alla Compagnia calzaturieri di Fucecchio. E non è tutto: i giovani non pensano più ad andare in fabbrica, per la sindrome d’imparare il mestiere.