29.VII.2003 – ZOCCOLO DURO

Nel settore moda italiana, dall’anno 1996, le aziende si sono ridotte da 105 mila a 90 mila (meno 15%). In flessione i calzaturifici, lo zoccolo duro è rappresentato dalle concerie. Pur se nel 2002, rispetto all’anno precedente, la concia e gli articoli in pelle cedono il 9,3%, e le calzature l’11,4% /dati del Ministero per l’Economia). Numeri sconfortanti, ma ci sono anche pilastri importanti nel Distretto di santa Croce sull’Arno: la vitalità, la vena creativa, il senso estetico, il presidio della filiera produttiva si conservano intatte per la ripresa.