2.III.2001 – CHE LUSSO FA

Il settore del lusso resiste alla crisi e non rischia grosse perdite di profitti, perché è uno status symbol. Marchi quali Gucci, Prada, Hermes, o Louis Vuitton possono sempre contare su una base di almeno 7,2 milioni di persone  desiderose di non mutare il proprio stile di vita in base all' andamento dei cicli economici.Insomma capi griffati e arredamento d’élite – per restare nell’area pelle - sono meno esposti alla bufera economica. E infatti le concerie del Comprensorio del Cuoio che fanno affari con le griffe, lavorano.