22.I.2001 – CONTROTENDENZA

“Intorno alla pelle c’è grande interesse”, sostiene Franco Donati, imprenditore alla conceria Upimar di Castelfranco di Sotto. I segnali? I dati del Giappone sono in controtendenza alla crisi, i mercati emergenti come Cina e Russia si muovono. Il grande malato Usa dà segni di miglioramento. Se anche la Germania ripartisse più velocemente del previsto, la pelle catturerà la domanda internazionale. Non così però le concerie più piccole, meno strutturate, che non hanno agganci con le griffe di moda.