19.IX.2001 – ITALIANO

“L’unico valore del Made in Italy, eticamente accettato dal mercato, è il 100% italiano” annuncia Andrea Calistri, fiorentino, presidente dell’omonimo Consorzio pellettiero. E ha ragione quando soggiunge “Altrimenti è Stile italiano, che però produttivamente non significa la stessa cosa”. Pertanto si parlerà di “rivalutare, monitorare e salvaguardare il prodotto” dopodomani alla Fiera di Milano (ore 10,30) e tra gli autorevoli sostenitori della tesi ci sarà anche – da Ponte a Egola - Simone Remi, per la Vera pelle italiana conciata al vegetale.