2.XI.2001 – WTO CINESE

Di qui al 2005 ci sono forti ed immediate aspettative di crescita per le esportazioni italiane in Cina di calzature, pelletteria, pelli e accessori; tutte queste diventeranno infatti più competive con la riduzione del 15% del dazio. “Ciò è sicuro, poiché conseguente all’ingresso della Cina nel Wto, l’organizzazione mondiale del commercio” commenta un conciatore di Ponte a Cappiano. La firma è prevista in novembre, alla conferenza ministeriale di Doha, nel Qatar, e spalancherà uno dei più grandi mercati al mondo, da anni in via di sviluppo.