20.XI.2001 – IMPARA L’ARTE

Dev’essere un piacere – e non un dispiacere – lucidarsi le scarpe. C’è un decalogo preciso, che s’impara da Stefano Bemer, in Borgo San Frediano a Firenze (tel. 055-211356). Soldi spesi bene, per scarpe costose da tirare a lucido. Primi rudimenti dell’arte: la pelle conciata al vegetale richiede un rullo di corno, per chiudere i pori prima della ceretta. Le scarpe bagnate vanno imbottite di carta di giornale, lontane da fonti di calore. Solo così un paio di scarpe vissute, 10 anni di età, restano splendide ed invidiabili.