29.V.2001 – IL RITORNO DEL GREZZO

Torna a crescere il consumo della carne, dopo lo sciock “mucca pazza” ma anche per i rigorosi controlli sanitari. Ormai irrinunciabile sulla tavola: basta pensare che fino agli anni 50 se ne consumava 10 Kg. l’anno a testa, ora siamo a 81 Kg.: di cui 25 di bovini, 23 di suini, 20 di pollami e il resto d’altre carni. “La macellazione non avviene per le richieste dei conciatori, ma per il consumo alimentare”, commenta positivamente il santacrocese Romeo Puccini alla Bleu Point.