17.V.2000 – L’ARTE DI FAR MODA

“Investire in tecnologia significa risparmiare. E siccome quel che le concerie nel Comprensorio del Cuoio stanno facendo, significa anche che hanno fiducia nel comparto”. L'acuta osservazione appartiene a Graziano Banchelli, il decano dei rappresentanti di macchine per conceria a Ponte a Egola (insieme a Benozzo Bagnoli a Santa Croce sull'Arno). L'automazione computerizzata nei reparti sta cambiando in conceria l’arte di far moda, e fa realizzare pellami incredibili.