4.VII.2000 – SUPERDISTRETTO

La moda, in Toscana, è variegata: il tessile di Prato, le confezioni di Empoli, il cuoio e le pelli del Valdarno Inferiore. “E’ possibile la concertazione, con un marchio regionale per i prodotti novità – annuncia il presidente della Regione, Claudio Martini – sarebbe sinonimo di ciò che la Toscana rappresenta nel mondo: qualità e buon gusto”. Ma i conciatori del Comprensorio replicano: “Abbiamo bisogno di sostegno nei fatti, non a discorsi”. E’ il realismo che fa la differenza tra pubblico e privato, ma una sinergia è comunque indispensabile.