15.III.2010 - UN PASSO

In difesa di marchi e produzioni che rappresentano centinaia di migliaia di posti di lavoro, e una bella fetta del reddito nazionale, Ŕ in arrivo la legge a protezione del Made in Italy per abbigliamento, calzature, pelle e divani, prodotti prevalentemente nel nostro Paese. Ma come si potrÓ valutare se Ŕ prodotto italiano un paio di scarpe, quando la concia, la lavorazione della tomaia e il pellame sono stranieri? Soprattutto per evitare al consumatore che la manifattura straniera comprenda sostanze pericolose come collanti, solventi, tinture. Un passo avanti atteso da 15 anni, comunque.