31.V.2010 - LA CAUSA

“Il cuoio proveniente da Sud America e Messico ha invaso i mercati statunitensi, con un prezzo attorno ai 3,50 euro al chilo, mentre noi difficilmente possiamo scendere sotto gli 8 euro”, ha detto un conciatore di Ponte a Egola. E ha aggiunto uno di Santa Croce sull’Arno: “I cinesi comprano le pelli grezze, e il costo è passato da 50-60 centesimi al chilo, a un euro e 78”. E’ la riposta all’interrogativo del convegno “La crisi economica e occupazionale del nostro territorio. Quali prospettive?”, svoltosi presso la conceria/cuoificio Volpi, alla presenza di Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana.