4.VIII.2010 - FRENO

Nell’anno 2009, le spese ambientali medie per conceria sono cresciute nuovamente: ogni azienda spende circa 615.985 euro tra acque e rifiuti. Costi che stanno diventando un freno per le concerie, aziende ancòra in grado di dare lavoro e produrre ricchezza sul territorio. Aziende che trasformano uno scarto dell’industria alimentare in un bene di consumo fondamentale per l‘economia. L’allarme arriva dall’Unione Nazionale industria Conciaria, di cui è presidente Graziano Balducci, che ha svolto un summit in municipio a Santa Croce sull’Arno, comune capofila del distretto industriale.