6.VIII.2010 - ABBASTANZA

In conceria, prima della pausa per le ferie estive, si fa il punto sul primo semestre, abbastanza positivo (anche se non per tutti). L’export è ripreso a salire grazie al cambio riequilibrato del dollaro. L’energia la vitalità e l’intraprendenza degli imprenditori ha consentito di reagire alla crisi. La spinta all’innovazione ha portato le aziende a riorganizzarsi e ristrutturarsi. L’ha sottolineato Attilio Gronchi, presidente del Consorzio conciatori di Ponte a Egola, alla presenza di di Alessandro Francioni, suo omologo all’assoconciatori di Santa Croce sull’Arno.